Ancora nelle sue mani

2

12 maggio 2013 di ilpolirico

Ho passato svariati giorni a preoccuparmi per questo governo di larghe intese. Preoccupato dal fatto che, ancora una volta, fosse tutto nelle mani di Berlusconi. Poi dopo le nomine dei Ministri, nonostante lo sfacelo post-elezioni del PD, mi ero leggermente tranquillizzato. Tranquillizzato ma guardingo. Guardingo perchè fidarsi è impossibile. Poi sono arrivate le nomine dei Presidenti di Commisisone a riportarmi con i piedi per terra.

Beh… sta volta si sono davvero superati. Quando ho scorto la lista dei Presidenti di Commissione è stato più che semplice fare 2 + 2.

Negli anni la sinistra Italiana ha avuto più di un’occasione per mettere fuori gioco Mr. B.

Non si parla di teoria, ma di pratica. Si parla di pochi voti necessari per far crollare uno dei suoi governi e di un PD assenteista in aula. Si parla di votare per la sua ineleggibilità e di un PD che non hai mai votato a favore. Si parla di cose concrete che i signori della sinistra non hanno mai voluto fare. Insomma tutto questo per dire che si è sempre parlato di una battaglia sanguinosa tra destra e sinistra in questi 20 anni. Di conflitti politici che hanno logorato il paese. Ecco, questi conflitti, queste battaglie, non sono mai esistite. Destra e sinistra fingono da sempre di sfidarsi sino alla morte, mentre in verità, sono in tresca da 20 anni. E come in ogni tresca che si rispetti c’è sempre una parte dominante. Una che ha il controllo sull’altra. Mentre l’altra rincorre e rimane perennemente inculata. Berlusconi ancora una volta tiene il governo per le palle. Ha il pallino in mano. Il coltello dalla parte del manico. Decidete voi quale sia la metafora più congeniale, poco cambia. Sarà lui a decidere vita e durata di questo governo. E’ lui l’impedimento del govenro di agire su giustizia, evasione e corruzione.

E’ come essere seduti sulla tazza, allungare la mano in cerca della carta igienica, non trovarla, alzare la testa e vedere un’uomo sull’uscio della porta che fischietta allegramente e si fa passare la carta igienica da una mano all’altra. Naturalmente l’uomo sulla tazza é Letta, quello sull’uscio Berlusconi.

Naturalmente il PD per facilitare il lavoro al cavaliere, non sia mai che incontri troppi ostacoli nel suo cammino, ha pensato bene di lasciare le Commissioni Parlamentari di giustizia e telecomunicazioni rispettivamente a Nitto Palma e Altero Matteoli. Cioè i punti cardine della sopravvivenza politica di Berlusconi. Sempre sincerissime congratulazioni al PD per le sue astute strategie politiche.

Il PD sta alla politica come la Minetti sta alla castità.

Non voglio certo tralasciare altri strepitosi Presidenti di Commissione come Formigoni all’agricoltura. Il celeste negli stessi giorni in cui ha ricevuta la nomina, ha anche avuto il piacere di vedersi recapitare un bel rinvio a giudizio per l’inchiesta sulla fondazione Maugeri. Perchè qualificarsi con lauree, attestati e certificati, quando basta ricevere un rinvio a giudizio per un futuro roseo e prolifero. Questo vuol dire che la disoccupazione giovanile non esiste; o meglio, esiste, ma solo perchè si comincia a delinquere troppo tardi. Se dopo il liceo invece di iscriversi all’università si cominciasse ad avere qualche scaramuccia col fisco e un paio di rinvii a giudizi, il futuro lavorativo sarebbe ampiamente assicurato.

Altro nome da non dimenticare è quello di Ignazio La Russa. Presidente della giunta per le autorizzazioni della Camera. Dopo non aver capito un cazzo alla difesa, ha l’autorizzazione della Camera nel continuare a non capire un cazzo.

Solo una cosa non capisco. Si dice che la politica non si occupi e non si impieghi nel sociale, nei confronti di chi è meno fortunato.

“Col cazzo!” rispondo io

Sono anni che la politica ha a cuore casi umani come quelli di La Russa.

“Perchè Razzi?”

Se la politica non l’avesse accolto e non si fosse presa cura di lui, probabilmente lo troveremmo in spiaggia a vendere il cocco.

Quindi va bene tutto, però su certe cose non transigo. La politica ha preso uomini ridotti uno straccio, senza futuro ne prospettiva. Gli ha portati ad essere uomini politici, cosicchè loro potessero ridurre il paese una straccio, senza futuro ne prospettiva.

Annunci

2 thoughts on “Ancora nelle sue mani

  1. ombreflessuose ha detto:

    Meriti davvero un plauso
    Grazie davvero
    Ombreflessuose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Segui la Polirica!

Segui assieme ad altri 274 follower

The Versatile Blogger

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: