Una logica del cazzo!

3

14 maggio 2013 di ilpolirico

Prosegue a passo sostenuto il lavoro dello splendido governo di larghe intese che, a detta di alcuni, ci porterà fuori dalla crisi. Tranquilli comunque, non abbiamo fretta. Aspettiamo solo da vent’anni. Una delle notizie sicuramente più importanti della settimana, è la decisione, stavolta unanime, del PD di nominare Epifani Segretario del partito. Fortunatamente stavolta la linea del partito è ampiamente condivisa. Si sollevano solo alcune problematiche durante l’assemblea nazionale. Il PD non riesce a trovare l’accordo sul gusto delle cialde per il caffè. Schieramenti opposti e correnti di pensiero troppo lontane. Aromarabica o gustoIntenso? Sarà ancora scissione PD? Voci di corridoio dichiarano di aver visto sollevarsi tensioni interne per molto meno. Staremo a vedere come andrà a finire.

Insomma, da un lato la sinistra tenta di ricomporsi, anche se, ricomporre un qualcosa che non è mai stato unito, lo trovo molto arduo come compito, comunque… contenti loro. Dall’altro la destra è sempre più unita in difesa del suo ventennale leader. Sembra che Berlusconi voglia superare il record di Sir. Alex Ferguson, appena ritiratosi dalla panchina del Manchester United dopo 26 anni e 25 trofei vinti. Silvio in 20 anni ha collezionato 17 trofei(processi). Il traguardo non è proprio dietro l’angolo, ma confido nell’esperienza e nella determinazione del caimano.

Momenti di tensione a Brescia durante il comizio del leader. Oltre ai supporter, le strade gremivano di contestatori. Fischi e insulti verso i deputati del Pdl. Un esaltato e instancabile Brunetta, il quale sembra abbia pippato un’intera piantagione di purissima coca colombiana, ci delizia con uno show da numeri uno. Passeggia euforico, avanti e indietro per la strada urlando: “Piazza straordinaria. Viva la democrazia, abbasso il fascismo” Si autoelogia con un giornalista del fattoquotidiano e, come se non bastasse, saluto Travaglio.

Brunetta sembra uno di quei cazzo di pupazzetti a pile. Avete presente i furby, quei maledetti e minuscoli peluche di merda che dicevano solo minchiate. Ecco lui è uguale, ma senza il tasto off. Ciò lo rende ancora più odioso. Anche l’altezza è più o meno la stessa. Mi riferisco a quella intellettuale naturalmente. Figuariamoci, i furby gli arriveranno ai piedi, ma in quanto a pensiero politico, credo siano un pizzico sopra!

La destra si difende dalle accuse di una scellerata e sconsiderata manifestazione contro la magistratura, dicendo che lo scopo era quello di sostenere il candidato sindaco di Brescia, tal Adriano Paroli. Infatti è vero. Ha parlato solo Berlusconi dei cazzi suoi, e non sono pochi, mentre il candidato ciellino, parla circa un nanosecondo, esordiendo così: “Non era previsto un mio saluto…”. Fortunatamente il carismatico e audace candidato era affiancato da una figura di notevole spessore politico. Maria Stella Gelmini. Sono quasi certo che la mia saliera abbia più carattere e personalità di questi due messi insieme.

Naturalmente il PD non dice una parola. Silenzio tombale della sinistra sui fatti di Brescia e sulla condanna del Tribunale di Milano. Come dargli torto? Mica possono scagliarsi come niente fosse sul capo del governo.

“Certo! Il capo! Berlusconi! E chi se no? Letta? Ma fatemi il piacere!”

Insomma gentili lettori, è senza dubbio una situazione politica molto strana, che non ha alcuna logica, se non una logica del cazzo! Infatti il cazzo, da sempre, ha una logica tutta sua, separata e indipendente dalla tua testa, dal tuo controllo. Tu poi essere stanco, affaticato, indebolito o addirittura depresso. A lui questo, non interessa. Il cazzo non pensa a te o al tuo stato d’animo, il cazzo va per la sua strada. Puoi addirittura essere morto, mentre lui se ne sta lì, dritto e duro come un palo della luce. Viceversa il cazzo può giocarti brutti scherzi, puoi essere euforico, energico e pieno di vita, se lui vuole, se ne sta giù come un salice piangente. E tu, non puoi farci niente. La politica è uguale. La gente è stanca, affaticata, indebolita e depressa. La gente muore. Ma la politica non pensa a te o al tuo stato d’animo, la politica va per la sua strada, pensando sempre e solo a se stessa. Viceversa la politica può giocarti brutti scherzi. La gente può essere euforica, energica e piena di vita, per il solo fatto che c’è un’aria di cambiamento tutto intorno. E loro ti fanno ricadere nel baratro, rieleggono lo stesso Presidente delle Repubblica e portano la stessa maggioranza in appoggio a un governo PD-L.

La politica è cosi, come il cazzo. Pensa solo ai cazzi suoi!

Ps: Mi perdonerà il genere femminile, il quale forse, non potrà capire fino in fondo questa “sottile ed elegante metafora”

Alla prossima settimana!

Annunci

3 thoughts on “Una logica del cazzo!

  1. […] Una logica del cazzo!. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Segui la Polirica!

Segui assieme ad altri 274 follower

The Versatile Blogger

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: