Assenteisti stravolgono la Costituzione

4

9 settembre 2013 di ilpolirico

Durante questa estate tra la telenovela della decadenza del Cavaliere, la delicata situazione siriana e il solito gossip parlamentare, passa sempre di più in secondo piano una notizia tutt’altro che trascurabile. Il governo dei larghi rinvii sta tentando all’insaputa di molti di riformare la nostra Costituzione attraverso la modifica dell’ art. 138, il quale è stato appositamente inserito dai nostri Padri costituenti per far si che la modifica della Costituzione, nel caso dovesse avvenire, dia vita a un iter il quale prevede che :

[Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione…

Inoltre

…Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi.]

Tutto ciò per far si che la modifica della Costituzione  avvenga dopo attente e meticolose discussioni parlamentari, ma soprattutto, cosa più importante, dà la possibilità al popolo sovrano di avere voce in capitolo. Tramite la modifica di questo articolo, invece, il presente e ogni futuro governo, potranno modificare la Costituzione senza impedimento e a loro piacimento. La modifica della Carta non è sbagliata a prescindere, tenendo conto del fatto che fu approvata 65 anni fa, rivisitarla in alcuni dei suoi punti deboli, attraverso una lungimirante discussione per le generazioni future, sarebbe più che giusto.

Continua a leggere: http://www.youthunitedpress.com/assenteisti-stravolgono-la-costituzione/#sthash.wrs2ho1B.dpuf

Annunci

4 thoughts on “Assenteisti stravolgono la Costituzione

  1. Marcella Nesset ha detto:

    Gravissimo quello che tentano di fare, trasformare la nostra Costituzione da rigida a flessibile, degna di un paese terzomondista con un assetto democratico fragilissimo.
    Ormai è l’era del flessibile, dal mercato del lavoro alle norme costituzionali, ma alla fine quelli flessi e genuflessi siamo soltanto noi, la società civile.

    • ilpolirico ha detto:

      Dici bene… ci siamo fatti piegare come bastoncini del gelato. Credo però che sia arrivato il momento che siano loro a piegarsi. Sono fiducioso sulla risposta del popolo riguardo la modifica della costituzione, o forse è solo speranza.

  2. icalamari ha detto:

    Carissimo Gianluca, hai ragione. Non se ne parla abbastanza e siamo ormai quasi fuori tempo massimo. Anche io ci ho scritto sopra alcuni post in agosto, tanto per sollecitare una qualche presa di coscienza da parte di lettori che, evidentemente, hanno scale di valori differenti dalla mia. Cittadinanza assente(ista) e correa.
    Cari saluti,
    Francesca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Segui la Polirica!

Segui assieme ad altri 274 follower

The Versatile Blogger

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: